La Centrale Montemartini : un museo antico in un museo moderno - Itinerari Romani

Itinerari Romani
Visite  guidate  di  Roma,  del  Vaticano  e dei  dintorni  di  Roma
Title
Vai ai contenuti
La  Centrale  Montemartini : un  museo  antico  in  un  museo  moderno
Home      Le vostre guide       Le nostre tariffe     Il calendario      Contatti
Centrale Montemartini: tête virile
Centrale Montemartini: mosaique
Centrale Montemartini: korè
Centrale Montemartini: mosaique
Centrale Montemartini: Muse pensive
Centrale Montemartini: Victoire
La Centrale Montemartini è una vecchia centrale elettrica, abbandonata da molto tempo, che ha trovato un nuovo uso alquanto insolito: custodire una parte delle collezioni di arte antica dei Musei Capitolini.
Il progetto è scaturito da una mostra temporanea, inaugurata nel 1997, intitolata "Le Macchine e gli Dei". L'associazione tra le statue, i mosaici antichi e gli enormi motori diesel nella vaste sale industriali dell'inizio del XX s. si è rivelata talmente suggestiva da rinunciare all'idea di separarle. E così gli dei antichi sono rimasti guardiani delle macchine simbolo del progresso dei primi decenni del XX s. : spiriti del passato che si fanno compagnia.
L'allestimento cronologico permette di percorrere la storia di Roma dall'epoca arcaica alla fine dell'Impero. Tra le opere esposte sono particolarmente raffinati i mosaici, provenienti da un insediamento trovato all'interno di Roma a Via Panisperna, e di un realismo impressionante la serie dei ritratti funerari. Splendida la ricostruzione del frontone del tempio di Apollo Sosiano, che si trovava di fronte al Teatro Marcello, e l'enorme mosaico con scene di caccia, un unicum nelle scoperte fatte a Roma.
Il punto forte di questo museo, oltre al valore delle opere esposte, è senza dubbio l'audacia dell'associazione fra l'Antico e il Moderno che permette di aggirarsi in un enorme paradosso temporale e di respirarne l'atmosfera.

Visita guidata: durata 2 ore .
Visite classiche
Visite alternative
Visite tematiche
Musei e Gallerie
I dintorni di Roma
Torna ai contenuti